mercoledì 20 gennaio 2010

Parure in argento "Collezione Marseille" in argento lavico e labradorite

Qui bisogna rimettersi al banchetto e produrre gioielli...
La labradorite è una pietra che mi affascina, veniva usata dai Vichinghi, incastonata sulla prua delle loro imbarcazioni, pensate, sostenevano che servisse ad aprire un varco tra la nebbia dei mari...poetico vero?
 


7 commenti:

elena fiore ha detto...

E tu quando sforni collane, siano di stoffa o di pietra, non deludi mai!
Faccio partire l'applausometro :-)
ciao, elena°*°

crochetdoll ha detto...

ed io l'applausometro lo faccio salire di parecchie tacche: aaaappppplausi!!!!!!!
(adoro la labradorite: è così misteriosa e questo tuo lavoro ne esalta i pregi!)
un bacione!

BUSSOLA ha detto...

molta bella questa parure...poi non so...ha un'aria così fiera,maestosa...nn so come dire...

Giulia ha detto...

MEravigliosa!!!Ciao bella, era un po' che non siuscivo a vedere il tuo blog, baci baci

Tatti ha detto...

Mi son persa un sacco di cose belle...non vedevo aggiornato il tuo blog...ma ora recupero eh...^_^
Questa parure mi piace tantissimo.....

^_^
Tatti

Anonimo ha detto...

i tuoi lavori sono fantastici li vendi?

Daniela Cerri ha detto...

Prima di tutto un abbraccio a tutte: Poi, mi rivolgo ad Anonimo, non ti posso individuare, se lo desideri mi puoi scrivere una mail? grazie ciao